Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

“Aderite a PagoPA”: la Ministra Pisano e Luca Attias scrivono ai Comuni

Home PA Digitale “Aderite a PagoPA”: la Ministra Pisano e Luca Attias scrivono ai Comuni

Una lettera ai sindaci di tutte le città italiane per sollecitare la migrazione e l’utilizzo di PagoPA e ricordare la compilazione del questionario della Corte dei conti. A firmarla il Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione e il Commissario Straordinario per l’Attuazione dell’Agenda Digitale

16 Settembre 2019

Photo by rupixen on Unsplash - https://unsplash.com/photos/Q59HmzK38eQ

L’adesione alle piattaforme abilitanti è un passaggio indispensabile per la trasformazione digitale del Paese. Ecco quindi che, dopo la lettera inviata ai Comuni per sollecitare l’adesione all’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ne abbiamo parlato qui), il Commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale Luca Attias, torna a scrivere ai Sindaci delle città italiane. E questa volta lo fa insieme al neo Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione, Paola Pisano, con una missiva a doppia firma in cui si sollecita l’adesione a PagoPA, la piattaforma unica per i pagamenti della Pubblica Amministrazione, una delle piattaforme abilitanti assieme a Spid e Anpr.

La ministra e il Commissario straordinario scrivono nella lettera: “Lo sviluppo di tale piattaforma si colloca tra gli obiettivi prioritari del Piano Triennale per la Trasformazione digitale della PA. PagoPA è stato individuato dal legislatore come unico sistema per gestire i pagamenti delle pubbliche amministrazioni dall’art. 5 del CAD e l’art. 65, comma 2, del d.lgs. 13 dicembre 2017, n. 217 ribadisce che tutti i prestatori di servizi di pagamento, che offrono servizi di incasso per le PA, hanno l’obbligo di aderire alla piattaforma”. E ancora: “L’integrazione di PagoPA con tutti i servizi del Comune, oltre a garantire la piena digitalizzazione dei pagamenti verso la Pubblica Amministrazione e l’eliminazione dell’uso del contante, consente la semplificazione dei rapporti tra cittadini e PA facilitando la gestione dei pagamenti dei servizi pubblici.”

Il processo di migrazione verso la piattaforma dovrà concludersi entro il 31 dicembre 2019.

Nella lettera si ricorda, inoltre, di compilare il questionario sullo stato di attuazione dell’Agenda digitale che la Corte dei Conti – Sezione delle autonomie ha inviato il 1 luglio scorso alle Amministrazioni territoriali (Regioni, Province, Province Autonome, Città Metropolitane e Comuni). Un questionario elaborato proprio con il contributo del Team per la Trasformazione Digitale per verificare l’avanzamento   dell’attuazione delle azioni del Piano Triennale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione 2017-2019.

Ecco come aderire a PagoPA

Su questo argomento

APP PA: l'elenco delle app ufficiali della Pubblica Amministrazione