Interviste #road2forumpa2020: riprendiamo il percorso in vista dell’evento di novembre - FPA

Interviste #road2forumpa2020: riprendiamo il percorso in vista dell’evento di novembre

Home PA Digitale Interviste #road2forumpa2020: riprendiamo il percorso in vista dell’evento di novembre

“FORUM PA Restart Italia” si terrà dal 2 al 6 novembre e sarà preceduto da due mesi intensi di ascolto e avvicinamento con il percorso #road2forumpa2020. Si comincia con l’intervista di Gianni Dominici, Direttore generale di FPA, a Elena Baio, assessore e vice sindaco del Comune di Piacenza

7 Settembre 2020

F

Redazione FPA

Dopo l’evento di luglio, FORUM PA torna dal 2 al 6 novembre. Con il nome di “FORUM PA Restart Italia”, la manifestazione vuole essere un momento di confronto e di approfondimento per individuare un percorso condiviso per la ripartenza del Paese. Un confronto con i protagonisti e le protagoniste dell’innovazione che comincia già da ora, riprendendo in particolare il ciclo di interviste #road2forumpa2020 a cura di Gianni Dominici, Direttore generale di FPA.

In questa puntata, Gianni Dominici intervista Elena Baio, assessore e vice sindaco del Comune di Piacenza, che ci racconta di come la città abbia reagito all’emergenza.

“Questo periodo ci ha confermato il valore della comunità” esordisce Baio, “Ci ha insegnato anche che possiamo cambiare radicalmente le nostre abitudini”. Quali saranno le pratiche e le attitudini che ci porteremo dietro anche dopo l’emergenza?

“Io penso che il distanziamento e il contingentamento negli eventi rimarrà ancora per parecchio, almeno fino a metà del 2021” risponde la vice sindaco, “Per quello che riguarda lo Smart Working, siamo stati obbligati a rivedere tutta la struttura: ci sono dei dipendenti che stanno chiedendo di rientrare perché ritengono che lo Smart Working al cento per cento non sia una buona soluzione. Io penso che siamo ancora troppo giovani dal punto di vista dell’esperienza per incrementare in maniera definitiva lo Smart Working; salvo rare eccezioni, credo che si lavori di più in presenza”.