Messina e l’hot spot gratuito

Home PA Digitale Messina e l’hot spot gratuito

A fine Luglio Messina ha presentato il primo hot-spot Wi-Fi gratuito della città. L´infrastruttura sperimentale, realizzata nella centrale piazza Cairoli grazie alla collaborazione gratuita dell´operatore Wi-Max Linkem S.p.A., è la prima esperienza offerta ai cittadini che, previa autenticazione, accederanno a costo zero al mondo di Internet.

1 Settembre 2010

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

A fine Luglio Messina ha presentato il primo hot-spot Wi-Fi gratuito della città. L´infrastruttura sperimentale, realizzata nella centrale piazza Cairoli grazie alla collaborazione gratuita dell´operatore Wi-Max Linkem S.p.A., è la prima esperienza offerta ai cittadini che, previa autenticazione, accederanno a costo zero al mondo di Internet.

Nel novembre del 2008, un accordo con gli operatori Wi-Max aveva già permesso a Messina, di essere in poco meno di un anno, la prima città nel Meridione a dotarsi di una infrastruttura senza fili per il collegamento a banda larga, contribuendo ad abbattere il cosiddetto "digital divide". Dopo due anni "nel cuore della città  – ha sottolineato Carmelo Santalco assessore Comunale all’innovazione – si attiva il primo hot-spot che permetterà la navigazione su internet gratuitamente, grazie alla collaborazione (a costo zero) dell´operatore WI-Max Linkem, che ha messo la propria esperienza e tecnologia al servizio di cittadini, turisti e studenti.

Il collegamento alla rete si potrà effettuare in maniera gratuita utilizzando un qualunque PC portatile, adatto alla connessione senza fili o un palmare. Sarà sufficiente aprire il Browser Internet ed effettuare la registrazione inserendo il proprio numero di cellulare. Dopo qualche minuto un SMS comunicherà l’avvenuta registrazione confermando il "nome utente" e la password da utilizzare per navigare liberamente.

"Questo primo esempio – ha poi assicurato Santalco – è da considerarsi una sperimentazione di un’esperienza che intendiamo replicare  in altre zone della città".

FONTE: Comune di Messina