Protocollo d’intesa Ministero-Regione Campania sulla dematerializzazione

Home PA Digitale Gestione Documentale Protocollo d’intesa Ministero-Regione Campania sulla dematerializzazione

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta, ha firmato il 19 novembre scorso un Protocollo d’intesa con il Presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, per la definizione di un Accordo di programma quadro sulla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e la realizzazione di servizi avanzati per cittadini e imprese.

20 Novembre 2008

Articolo FPA

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta, ha firmato il 19 novembre scorso un Protocollo d’intesa con il Presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, per la definizione di un Accordo di programma quadro sulla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e la realizzazione di servizi avanzati per cittadini e imprese.
Il Protocollo si inserisce nel Piano industriale dell’Innovazione che prevede 60 intese con amministrazioni centrali, regioni e comuni capoluogo.

Nello specifico l’accordo prevede la realizzazione di interventi concordati nei seguenti ambiti:

  • La carta nazionale e regionale dei servizi: per l’erogazione al dei servizi pubblici a cittadini, imprese e professionisti, come carta dei trasporti o per la prenotazione dei servizi sanitari;
  • L’integrazione delle banche dati: integrazione delle anagrafi, del catasto digitale, dei dati territoriali;
  • La dematerializzazione dei documenti, di processi e procedimenti amministrativi della PA;
  • Lo sviluppo di infrastrutture e servizi a banda larga come condizione abilitante per il superamento del digital divide nel Paese.

I temi oggetto dell’accordo rappresentano attualmente i principali elementi di rilievo all’interno dei processi di riforma della gestione dell’attività amministrativa in ambiente digitale e costituiscono una delle linee di azione maggiormente significative ai fini della riduzione della spesa pubblica, in termini sia di risparmi diretti che indiretti.

Il  Protocollo avrà una prima durata triennale e sarà finanziato anche mediante le risorse dei programmi operativi nazionali (PON), dei programmi operativi regionali (POR), i fondi destinati alle aree sottoutilizzate (FAS) e nell’ambito del Programma Industria 2015.

FONTE: Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione