Verso una PA europea intelligente: il 30 gennaio un webinar su sfide della digitalizzazione e adozione del cloud

Home PA Digitale Verso una PA europea intelligente: il 30 gennaio un webinar su sfide della digitalizzazione e adozione del cloud

In Italia solamente il 6% dei responsabili ICT della pubblica amministrazione ritiene l’attuale infrastruttura dati adeguata a consentire il raggiungimento degli obiettivi di trasformazione strategica. Partendo dalla ricerca “La trasformazione basata sui dati in Europa”, FPA e Pure Storage approfondiscono le sfide e i vantaggi della “mobilità del dato”

23 Gennaio 2020

F

Redazione FPA

Photo by Tanner Boriack on Unsplash - https://unsplash.com/photos/jkuR9QteDGY

L’85% dei responsabili ICT della PA italiana ritiene che le infrastrutture legacy rallentino il processo di trasformazione digitale e il 90% sottolinea il bisogno di spostarsi verso un’infrastruttura IT più rapida e flessibile. Sono alcuni dei dati contenuti nella ricerca “La trasformazione basata sui dati in Europa”, realizzata da Insight Avenue per conto di Pure Storage: uno studio condotto su scala europea con oltre 450 interviste effettuate in Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Italia e Paesi Bassi.

Il rapporto analizza, quindi, lo stato dell’arte e i progressi compiuti dai dipartimenti IT della PA dei più importanti Paesi della UE, portando alla luce quanto, per alcune amministrazioni, i mancati investimenti per rinnovare le infrastrutture tecnologiche stiano rallentando il percorso verso una PA intelligente.

In Italia solamente il 6% dei responsabili ICT della pubblica amministrazione ritiene l’attuale infrastruttura dati adeguata a consentire il raggiungimento degli obiettivi di trasformazione strategica. Secondo il sondaggio, l’infrastruttura dati esistente compromette l’agilità operativa (76%), contribuisce all’aumento dei costi operativi (73%), crea problemi di compliance (73%) e riduce la capacità di rispondere alle aspettative dei cittadini (78%).

La maggioranza dei responsabili ICT della pubblica amministrazione evidenzia quindi difficoltà in conformità, costi e prestazioni e identifica in un migliore utilizzo dei dati l’elemento essenziale affinché la PA centrale possa promuovere il cambiamento al proprio interno, aderire ai mutamenti delle policy e migliorare i risultati per il cittadino.

Il webinar

Partendo dai dati della ricerca, FPA e Pure Storage nel corso di un webinar in programma giovedì 30 gennaio a partire dalle ore 12 (la partecipazione è libera, ma è necessario registrarsi qui) affronteranno il tema del Cloud come fattore abilitante e delle sue declinazioni in modelli di tipo Cloud Ibrido e Multi Cloud, illustrando le sfide da affrontare e i vantaggi, dell’importanza della “mobilità del dato” e delle tecnologie che la rendono agile, semplice ed efficace, al fine di agevolare le amministrazioni pubbliche nel raggiungimento di obiettivi di trasformazione digitali.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Su questo argomento

PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA