Pa digitale, trenta protagonisti guardano al 2017 nel sondaggio di FPA

Home PA Digitale Pa digitale, trenta protagonisti guardano al 2017 nel sondaggio di FPA

23 Dicembre 2016

R

Redazione cantieri

foto di rilasciata sotto licenza cc – https://www.flickr.com/photos/designed_by_pml/5214…

EDITORIALE

Dallo scheletro alla creatura, le attese 2017 per la PA digitale
di Alessandro Longo, direttore responsabile forumpa.it

Trenta protagonisti dei dieci ambiti della PA digitale si sono espressi per questo nostro speciale di fine anno. E il giudizio è grosso modo uniforme: i grandi progetti della PA digitale sono e saranno in ritardo, ma l’impianto- lo scheletro- è stato stabilito. Manca adesso un piano di attuazione che con cura certosina e capillare renda tutto questo realtà diffusa, lavorando con i diversi soggetti locali e anche- laddove previsto- privati.

Abbiamo lo scheletro ma non la creatura compiuta, di muscoli, tendini e intelligenza. Ecco perché nonostante il tanto lavoro fatto nel 2016- mai così tanto da parte di un Governo italiano per il digitale- non ci sono ancora di fatto risultati evidenti al cittadino. Non è cambiata la sua vita, ancora. Del resto, solo le creature viventi, non gli scheletri, si muovono e agiscono nel mondo.

Il bilancio che traiamo dai 30 contributi rispecchia molto le conclusioni dell’annuario FPA 2016, pubblicato in questi giorni. Le norme non bastano. Serve- ed è mancato- un accompagnamento che passi dalle persone, dalla cultura, dalla generazione di valore per la collettività dei soggetti coinvolti (cittadini, personale PA, imprese).

Per dirla con Carlo Mochi Sismondi, tutto questo va fatto con “ un investimento serio di risorse economiche, professionali e politiche per accompagnare il cambiamento dei comportamenti in un clima di fiducia”.

Se questo è il principio generale, poi se scendiamo nel dettaglio dei dieci ambiti della PA digitale troviamo vari gradi di applicazione.

Nella Sanità il passo successivo, secondo quel principio, si esprime soprattutto nel bisogno di una regia condivisa tra le diverse amministrazioni, anche in accordo con i privati.

La Giustizia è uno degli ambiti più critici, in cui lo scheletro è presente solo negli aspetti del processo civile e comunque si avverte ancora una forte insufficienza della visione complessiva. Il piano stesso è pieno di buchi, insomma. Situazione simile per la sicurezza digitale: ci sono norme da seguire, ma siamo in attesa di un piano forte e sistematico di adeguamento, che passa anche dalla razionalizzazione dell’IT degli enti locali.

La Scuola ha alle spalle un piano già abbastanza funzionale, ma richiede accompagnamento perché si diffonda in modo capillare. I grandi temi di Spid, Anpr e PagoPA segnano ritardi nell’adozione da parte delle PA, e soprattutto nel caso dell’Anagrafe bisognerà rassegnarsi a un progetto destinato a zoppicare ancora per molti anni, secondo gli esperti. Ma anche qui la cosa più grave è che è stato immaginato lo scheletro ma non il percorso per riempirlo di muscoli, quindi di vita.

Investimenti e accompagnamento della PA, ancora una volta, è quello che manca.

E’ quello che manca anche nello sviluppo dei dati della PA, ecco perché si è fatto molto sul fronte trasparenza- secondo una cultura del mero adempimento- ma poco per trasformare questi dati in volano di innovazione. Gli ambiti di infrastrutture e procurement sono a luce mista: se da una parte sono stati posti importanti germogli di innovazione, dall’altra pesano lacune e incertezze (si pensi al codice degli appalti) che rischiano di bloccarla.

Su tutto, emerge la consapevolezza che il rischio di impasse politico in cui siamo non deve giustificare la paralisi da parte dei soggetti pubblici. Molto può essere fatto anche attuando le visioni già sul tavolo, per esempio lavorando alla razionalizzazione e messa in sicurezza dei propri sistemi; impegnandosi nell’adesione ai progetti nazionali.

Abbiamo bisogno di entrambe le cose, insieme e separatamente: guida politica e impegno di tutte le parti, per trasformare il Paese.


Contenuti del dossier

PA Digitale

Forsi (Mise): “In Italia si apre la fase dell’attenzione costante ai pericoli cyber”

di Rita Forsi, ministero dello Sviluppo economico

23 Dicembre 2016

PA Digitale

Benedetti (Polimi): Come superare i ritardi di PagoPA nel 2017

di Michele Benedetti, Politecnico di Milano

22 Dicembre 2016

PA Digitale

Noci: “Quattro azioni disponibili subito per le PA che vogliono cambiare”

di Giuliano Noci, Politecnico di Milano

22 Dicembre 2016

Gestione Documentale

Guercio: “Regnano incertezza e poca governance sul futuro del digitale”

di Mariella Guercio, presidente Anai

21 Dicembre 2016

PA Digitale

Ottanelli (Abi): “Ecco che manca per completare il nuovo sistema di pagamenti”

di Carla Ottanelli, Associazione Bancaria Italiana

21 Dicembre 2016

PA Digitale

Miragliotta: “Manca un piano che metta assieme tutte le iniziative per innovare i pagamenti”

di Giovanni Miragliotta, Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano

21 Dicembre 2016

PA Digitale

Terranova: “Razionalizzare l’IT pubblico prima mossa per la nuova sicurezza digitale”

di Mario Terranova, Agenzia per l'Italia digitale

21 Dicembre 2016

Open Data

Marras: Dati PA aperti e utili, i progetti 2017 che servono

di Salvatore Marras, responsabile ufficio per l'Innovazione digitale, FormezPA

21 Dicembre 2016

Open Data

Nicita: “Banda ultra larga, forte salto dell’Italia dopo anni di inerzia”

di Antonio Nicita, Agcom

21 Dicembre 2016

PA Digitale

Baldoni: “Verso la prima strategia forte per la cybersecurity italiana”

di Roberto Baldoni, Laboratorio Nazionale di Cyber Security

21 Dicembre 2016

PA Digitale

Castellani: Cambiare i processi interni delle PA è svolta necessaria

di Laura Castellani, responsabile Infrastrutture e Tecnologie per lo Sviluppo della Società dell'Informazione, Regione Toscana

20 Dicembre 2016

PA Digitale

Nardelli: “Trasformare il piano nazionale scuola digitale in innovazione permanente e strutturale”

di Enrico Nardelli, Università di Tor Vergata

20 Dicembre 2016

Su questo argomento

PA e servizi online: perché puntare su una strategia multicanale