Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Speciale Cad. Inizia la fase attuativa, l’analisi di FPA e dei nostri esperti

Home PA Digitale Gestione Documentale Speciale Cad. Inizia la fase attuativa, l’analisi di FPA e dei nostri esperti

21 Settembre 2016

R

Redazione cantieri

Foto di v923z rilasciata sotto licenza cc – https://www.flickr.com/photos/94941635@N07/8708021…

EDITORIALE

Fatto il CAD, bisogna (ancora) fare la PA digitale
di Alessandro Longo, direttore responsabile forumpa.it

Il nuovo Codice dell’amministrazione digitale è realtà, è realtà il faro che vuole condurre- finalmente- la PA sul cammino dell’innovazione. Una trasformazione che per la prima volta l’Italia, sotto questo Governo, annuncia sistematica, capillare, profonda.

Insomma, il CAD si presenta come il faro-guida per la prima (vera) innovazione della PA. Compito ambizioso, difficilissimo. Che l’Italia non è ancora attrezzata per affrontare: bisogna riconoscerlo, lo dicono le evidenze. Ma c’è ancora margine per rimediare, ripartendo appunto da questo nuovo CAD per immaginare adesso l’avvio urgente di una fase attuativa.

Possiamo giungere a queste conclusioni scorrendo i numerosi interventi degli esperti della nostra community e di FPA (a firma di Carlo Mochi Sismondi e Gianni Dominici ). Emergono luci e ombre del testo ma, soprattutto, l’urgenza zoppa di passare adesso alla fase attuativa (del Cad, con le regole tecniche, e in generale della riforma PA, con accompagnamento e formazione).

Che sia “urgenza” è ovvio, ai nostri lettori non serve ricordare la tabella dei ritardi italiani sul digitale che frenano la ripresa. Che sia “zoppa” forse non saranno d’accordo i cantori delle sorti magnifiche e progressive, ma agli addetti ai lavori non sfugge che se adesso abbiamo il telaio e la carrozzeria dell’auto le ruote sono un po’ sgonfie e il serbatoio quasi a secco. E anche il gps non è che funzioni benissimo. Le risorse, la governance, l’impegno alla formazione: sono gli aspetti lacunosi, nella strategia governativa, che fanno preoccupare chi ha a cuore la trasformazione (reale, non di carta) del Paese. Ne scrive il presidente di FPA Mochi Sismondi.

Zoppia curabile, per fortuna. Un paradigma “terapeutico” è ipotizzabile e infatti ci siamo sforzati di ipotizzarlo: ecco una proposta .

Per quanto riguarda il testo in sé, nel dossier trovate gli approfondimenti per i diversi (numerosi) ambiti. Si può apprezzare l’approccio modulare del testo (per la prima volta), per essere “future proof”, come scrive Elio Gullo, che del CAD è considerato uno dei padri.

Ci sono aspetti ambigui , da chiarire (anche con le regole tecniche).

Tuttavia la sfida principale adesso è fuori dal recito del CAD. E investe l’intera macchina statale e di Governo: per un impegno che chiarisca (una volte per tutte) la governance dell’innovazione, la doti di spalle abbastanza robuste (tanti e per tanto tempo hanno denunciato il sotto-potenziamento di Agid). E vari un processo di accompagnamento delle amministrazioni pubbliche, con le risorse e i processi adeguati. Tutto ciò manca. Tutto ciò è quello che vorremo vedere, perché nel CAD davvero si possano leggere i prodromi di una rivoluzione.


> Qui per prendere visione del testo coordinato del decreto di riforma del CAD

Contenuti del dossier

Gestione Documentale

Approvato il nuovo CAD: il più è ancora da fare

di Gianni Dominici, Direttore generale FPA

21 Settembre 2016

PA Digitale

Consolandi: “Così il Cad influenza il processo civile telematico”

di Enrico Consolandi, magistrato, tribunale di Milano

21 Settembre 2016

Gestione Documentale

Fatturazione elettronica, a che punto siamo e perché il Cad non si applica

di Daniele Tumietto e Andrea Caccia, UNINFO

21 Settembre 2016

Gestione Documentale

Nel nuovo CAD l’alba di una nuova collaborazione tra le parti, ecco le novità

di Fernanda Faini, presidente Circolo dei Giuristi Telematici

21 Settembre 2016

Gestione Documentale

Cad, perché c’è bisogno di formare i dipendenti pubblici

di Robert Braga, dottore commercialista e presidente di PROdigiale

21 Settembre 2016

Gestione Documentale

Cad, tutte le figure previste per la conservazione e la gestione dei documenti

di Luigi Foglia a Francesca Cafiero Digital&Law Department, Studio Legale Lisi, Ufficio di Presidenza ANORC Professioni

21 Settembre 2016

Gestione Documentale

Nel nuovo Cad passi avanti sulla formazione digitale (ma non basta)

di Morena Ragone, giurista, dottore di ricerca, esperta di diritti digitali, Direttivo di Stati Generali dell'Innovazione

21 Settembre 2016

Gestione Documentale

Ecco i sei elementi “oscuri” del Cad. Manca: “Aspettiamo le regole tecniche”

di Giovanni Manca, esperto di dematerializzazione e sicurezza ICT, presidente Associazione nazionale per operatori e responsabili della Conservazione Digitale

21 Settembre 2016

Gestione Documentale

Conservazione documenti, l’ambigua definizione del nuovo Cad

di Maria Guercio, Università degli studi di Roma La Sapienza e presidente dell’Associazione nazionale archivistica italiana - Anai

21 Settembre 2016

Gestione Documentale

Documento informatico e firme elettroniche, cosa cambia nel nuovo CAD

di Giusella Finocchiaro, avvocato, docente di Diritto di internet e di Diritto privato, Università di Bologna

20 Settembre 2016

PA Digitale

Ecco cosa cambia per la giustizia con il nuovo Cad

di Valentina Carollo, avvocato e presidente del Centro Studi Processo Telematico CSPT

20 Settembre 2016

PA Digitale

Nuovo CAD: alla ricerca di un demiurgo

Carlo Mochi Sismondi

C

20 Settembre 2016

Su questo argomento

APP PA: l'elenco delle app ufficiali della Pubblica Amministrazione