Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Speciale EIDAS: in vigore dal primo luglio, ecco l’impatto sull’Italia. Grandi firme commentano

Home PA Digitale Gestione Documentale Speciale EIDAS: in vigore dal primo luglio, ecco l’impatto sull’Italia. Grandi firme commentano

30 Giugno 2016

R

Redazione cantieri

Foto di bex walton rilasciata sotto licenza cc – https://www.flickr.com/photos/bexwalton/2784326217…

EDITORIALE

La “lingua comune” eIDAS, per la nascita di un vero mercato unico digitale europeo
di Alessandro Longo, direttore responsabile

In tempi di Brexit, bisogna avere particolare forza nelle menti e utopia nei cuori per continuare a credere nel sogno possibile di un mercato unico europeo. Ma proprio in questi tempi difficili per l’Europa, arriva a compimento un tassello che quel sogno lo accarezza e nutre: il Regolamento eIDAS per i servizi fiduciari, in vigore dal primo luglio. eIDAS: un nome tecnico, per addetti ai lavori. Ma possiamo immaginarlo- con un pizzico di semplificazione- come le basi per dare una lingua comune alle transazioni elettroniche tra i diversi Paesi. Per i tecnici si tratta di standard di interoperabilità. Ma, a ben vedere, è proprio la direzione opposta a quella rappresentata dalla Brexit (e dai tanti analoghi moti disgreganti che premono all’orizzonte in diversi Paesi).

Ed è importante che questa direzione opposta arrivi proprio dal settore del digitale, per sua natura (e storia) fortissimo motore di connessione tra popoli, oltre che di spinta innovativa per l’economia. In altre parole, il mercato unico digitale favorito da eIDAS può giocare un ruolo importante perché si formi un mercato unico tout court, europeo.

L’impatto di eIDAS in Europa e in Italia sono ben spiegati dalle grandi firme che popolano questo nostro speciale, che come consueto mandiamo a tutta la community di FPA.

Qui giova segnalare due punti, che emergono. Contrastanti.

Da una parte, eIDAS (consentendo di individuare in modo preciso gli standard di riferimento per garantire l’interoperabilità tra i servizi fiduciari) può davvero favorire le transazioni elettroniche, quindi gli scambi alla base di un mercato (digitale) unico europeo. Anche perché introduce strumenti nuovi, che “consentono di innalzare la fiducia complessiva delle parti che hanno rapporti istituzionali o commerciali online”, scrive la Commissione europea per il nostro speciale. Aumentare la fiducia reciproca tra parti diverse di diversi Paesi europei: è già tutto in questo messaggio la forza di un vento contrario a quello che si sta abbattendo sull’Europa

Ma dall’altra, si evince anche che l’Italia sembra in ritardo nell’abbracciare l’opportunità offerta da eIDAS, in particolare perché sarebbe compito del nuovo Cad. Ma il Codice dell’amministrazione digitale non è ancora sicuro all’orizzonte- certo non sarà approvato entro luglio. E l’attuale bozza ha avuto, per altro, pareri contrastanti da parte degli addetti ai lavori, il che non depone a favore di una rapida sistemazione.

Insomma, eIDAS è un’opportunità. E insieme uno sprone per l’Italia.

È il momento di fare la nostra parte per favorire la nascita di standard europei di interoperabilità. Per mettere a punto questo tassello importante nel puzzle incompleto di un mercato unico digitale. Contro tutte le forze avverse: comprese quelle che in Italia premono per autarchia e assenza di standard. Perché in Italia la sindrome “Brexit” non ha bisogno di referendum per esprimersi. Si respira da sempre, anche nel campo della PA digitale: per l’incapacità di fare sistema, di adottare regole comuni. La nascita, a giugno, della Commissione di inchiesta sulla spesa della PA sta lì a ricordarcelo.

Adesso entra in vigore eIDAS. E speriamo che sia lo stimolo giusto per un cambio di passo: per l’Italia, per l’Europa.


> Cosa cambia in Europa ed in Italia per firme, sigilli e servizi fiduciari digitali con il Regolamento eIDAS (UE/910/2014)? FPA organizza a partire dal mese di settembre 2016 un ciclo di webinar formativi a pagamento su eIDAS. Qui per maggiori informazioni

Contenuti del dossier

Gestione Documentale

Gullo: “Ecco perché Pec e Cad avranno lunga (e vegeta) vita”

di Elio Gullo, Funzione pubblica

26 Luglio 2016

PA Digitale

eIDAS: da settembre il ciclo di webinar di FPA

di Redazione FPA

30 Giugno 2016

PA Digitale

Castellani: “Eidas aiuterà le Regioni a essere hub tecnologico sul territorio”

di Laura Castellani, coordinatrice tecnica "Cittadinanza Digitale" per la Commissione speciale Agenda Digitale delle regioni/Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo, Regione Toscana

30 Giugno 2016

Gestione Documentale

AgID: “Con eIDAS più fiducia tra consumatori e imprese”

di Stefano Arbia, rappresentante italiano presso le Istituzioni europee per i lavori afferenti il regolamento eIDAS, AgID

30 Giugno 2016

Gestione Documentale

Servida (Commissione europea): “Ecco perché eIDAS segna una nuova era”

di Andrea Servida, Commissione Europea, Direzione Generale delle Reti di comunicazione, dei contenuti e delle tecnologie DG CONNECT

30 Giugno 2016

Gestione Documentale

Caccia, servizi fiduciari: “Con Eidas incertezze normative, per i ritardi del Cad”

di Andrea Caccia, membro del comitato ETSI "Electronic Signatures and Infrastructues" per UNINFO

30 Giugno 2016

Gestione Documentale

Firme e documenti, dopo eIDAS cosa va cambiato nel nuovo Cad

di Andrea Lisi e Sarah Ungaro, Digital&Law Department, Ufficio di Presidenza Anorc Professioni

28 Giugno 2016

Gestione Documentale

Normazione tecnica e standard: eIDAS per una industria 4.0

di Daniele Tumietto, componente del Forum Italiano Fatturazione elettronica e eprocurement

28 Giugno 2016

Gestione Documentale

Eidas e protezione dati, le regole convergono: ecco i vantaggi per le aziende

di Gabriele Faggioli, legale, partner Digital360, Andrea Reghelin, legale, Associate Partner P4I e Guglielmo Troiano, Senior Legal Consultant P4I

28 Giugno 2016

Gestione Documentale

Firme elettroniche, come eIDAS cambierà la normativa italiana

di Giusella Finocchiaro, avvocato, docente di Diritto di internet e di Diritto privato, Università di Bologna

28 Giugno 2016

Gestione Documentale

eIDAS, i rischi dei ritardi italiani. Manca:”accelerare su Cad e con standard Agid”

di Giovanni Manca, esperto di dematerializzazione e sicurezza ICT, presidente Associazione nazionale per operatori e responsabili della Conservazione Digitale

28 Giugno 2016

Gestione Documentale

Arriva eIDAS, cambiamo la nostra definizione di documento elettronico

di Valentina Carollo, avvocato

27 Giugno 2016

Su questo argomento

APP PA: l'elenco delle app ufficiali della Pubblica Amministrazione